Si dice asfissia la carenza di ossigeno nel sangue. È provocata dall’interruzione del fluire libero dell aria dentro e fuori dagli alveoli polmonari. Questa è di regola la causa di morte in caso di soffocamento, annegamento, strangolamento, inalazione di gas o turni, ostruzione da corpo estraneo delle vie aeree e auando si verifica un rigonfiamento dei tessuti molli della gola (edema della
glottide).

Qualora l’asfissia sia prodotta da un agente estemo, come un sacchetto di plastica o un cuscino, questo
deve ovviamente essere subito rimosso e bisogna controllare la respirazione e il battito cardiaco.
Se necessario si deve iniziare immediatamente una rianimazione appropriata.